top of page
Chi ha paura del femminismo nero?

Chi ha paura del femminismo nero?

SKU: 9788535931136
€ 19,60Prezzo

Un libro essenziale e urgente, perché finché le donne nere continueranno ad essere bersaglio di continui attacchi, tutta l'umanità sarà in pericolo. Chi ha paura del femminismo nero? riunisce un lungo saggio autobiografico inedito e una selezione di articoli pubblicati da Djamila Ribeiro sul blog della rivista CartaCapital, tra il 2014 e il 2017. Nel testo di apertura, la filosofa e attivista recupera i ricordi della sua infanzia e adolescenza per discutere di ciò che lei chiama “silenzio”, un processo di cancellazione della personalità che ha attraversato e che è uno dei tanti esiti perniciosi della discriminazione. È stato solo nella tarda adolescenza, mentre lavorava alla Casa de Cultura da Mulher Negra, che Djamila è entrata in contatto con autori che l'hanno resa orgogliosa delle sue radici e non vogliono più rimanere invisibili. Da allora, il dialogo con autori come Chimamanda Ngozi Adichie, bell hooks, Sueli Carneiro, Alice Walker, Toni Morrison e Conceição Evaristo è una costante.Molti testi reagiscono alle situazioni quotidiane: l'aumento dell'intolleranza alle religioni di origine africana; gli attacchi a celebrità come Maju o Serena Williams – da cui Djamila dipana concetti come l'empowerment femminile o l'intersezionalità. Affronta anche temi come i limiti della mobilitazione sui social network, le politiche delle quote razziali e le origini del femminismo nero negli Stati Uniti e in Brasile, oltre a discutere il lavoro di autori di riferimento per il femminismo, come Simone de Beauvoir.Um essential e libro urgente, perché finché le donne nere continueranno ad essere bersaglio di continui attacchi, tutta l'umanità è in pericolo.Chi ha paura del femminismo nero? riunisce un lungo saggio autobiografico inedito e una selezione di articoli pubblicati da Djamila Ribeiro sul blog della rivista CartaCapital, tra il 2014 e il 2017. Nel testo di apertura, la filosofa e attivista recupera i ricordi della sua infanzia e adolescenza per discutere di ciò che lei chiama “silenzio”, un processo di cancellazione della personalità che ha attraversato e che è uno dei tanti esiti perniciosi della discriminazione. È stato solo nella tarda adolescenza, mentre lavorava alla Casa de Cultura da Mulher Negra, che Djamila è entrata in contatto con autori che l'hanno resa orgogliosa delle sue radici e non vogliono più rimanere invisibili. Da allora, il dialogo con autori come Chimamanda Ngozi Adichie, bell hooks, Sueli Carneiro, Alice Walker, Toni Morrison e Conceição Evaristo è una costante.Molti testi reagiscono alle situazioni quotidiane: l'aumento dell'intolleranza alle religioni di origine africana; gli attacchi a celebrità come Maju o Serena Williams – da cui Djamila dipana concetti come l'empowerment femminile o l'intersezionalità. Affronta anche temi come i limiti della mobilitazione sui social network, le politiche delle quote razziali e le origini del femminismo nero negli Stati Uniti e in Brasile, oltre a discutere il lavoro di autori di riferimento per il femminismo, come Simone de Beauvoir.

80 Histórias

Prodotti correlati

</